...continua #officinedeisogni

Il progetto #officinedeisogni cofinanziato dalla Regione Lazio e dall'impresa sociale Con i Bambini ha offerto negli scorsi mesi un avvincente laboratorio all'interno delle scuole incentrato sul tema #matematica applicata al gioco del #Calcio

Un'esperienza indimenticabile per i bambini organizzata dalla Cooperativa #Ludus partner di progetto

Ricordiamo che il progetto Officine dei Sogni ha come ente capofila il Moige - Movimento Italiano Genitori e come partner: la Cooperativa Ludus, l'associazione Lucrezia, l'associazione OnAir Progetto GRAF Gruppo e Rete per l'apprendimento e la formazione European Development Consulting Srl e #Disamis


OFFICINE DEI SOGNI, impariamo ad amare la matematica grazie al gioco del calcio

Il progetto “Officine dei sogni”, selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e cofinanziato dalla Regione Lazio e con ente Capofila IL MOIGE (Movimento Italiano genitori), ha dato avvio negli scorsi mesi ad un percorso educativo denominato SCUOLA ED EDUCATIVA DI STRADA IN CANTIERE. Tale azione progettuale, al suo interno, ha previsto – tra gli altri – lo sviluppo del laboratorio denominato “LE REGOLE DELLA MATEMATICA applicate al CALCIO” che ha coinvolto diverse classi della scuola elementare dell’IC Carlo Levi di Roma (plessi Serrapetrona e Castel Giubileo). Ad organizzare e condurre tale laboratorio, la Cooperativa LUDUS, ente partner del progetto. Obiettivo del laboratorio è “esemplificare, attraverso le regole che governano lo sport del calcio, quanto la matematica sia indispensabile nella formulazione delle stesse e, quindi, nella definizione stessa della disciplina sportiva più popolare tra i giovani”, spiega la Cooperativa LUDUS. Le attività condotte dagli esperti della Cooperativa Ludus sono state divise in due filoni: uno prettamente legato alla matematica necessaria per giocare a calcio ed uno più incentrato nella disciplina sportiva vera e propria. Grazie a questo connubio i bambini sono stati stimolati ad osservare la realtà in maniera più complessa, allontanandosi da un modo di procedere per compartimenti stagni. Nella prima fase del percorso, che sta per concludersi con una sfida calcistica, i piccoli hanno potuto imparare come la matematica e lo sport possano essere considerati, alla pari, strumenti d’inclusione preziosi, anche grazie ai linguaggi universali adottati che rappresentano un luogo privilegiato per l’inclusione degli stranieri. La didattica laboratoriale utilizzata è stata dinamica ed entusiasmante e gli studenti si sono lasciati coinvolgere con facilità. Il percorso è stato portato avanti con i bambini di due prime di scuola primaria, e i concetti matematici esplorati hanno riguardato le forme geometriche e i numeri che ritroviamo nel calcio. A partire dal campo da gioco si è arrivati a far emergere, in maniera naturale per i piccoli discenti, la distinzione tra poligoni e non poligoni e una prima classificazione dei poligoni in base al numero dei lati. I bambini hanno poi giocato in vari modi con i numeri del calcio, a cominciare da quelli delle magliette dei giocatori, scegliendo poi il numero che ciascuno di loro vorrebbe sulla propria divisa da calciatore. Con attività laboratoriali e attraverso situazioni di problem solving collegate al gioco del pallone, gli studenti e le studentesse hanno familiarizzato col concetto di pari e dispari e di ordine dei numeri naturali. Inoltre sono venute fuori le parole che la matematica “presta” al calcio, dando un nuovo senso a modi di dire quali “calcio d’angolo”, “rettangolo da gioco”, “sfera” per arrivare a comprendere come questa disciplina sia indispensabile allo sport più popolare del nostro paese. Il laboratorio di matematica si è concluso con un’appassionante caccia al tesoro al termine della quale, risolvendo quesiti matematici sugli argomenti precedentemente trattati, i bambini e le bambine hanno trovato le magliette, (gialle per una classe e rosse per un’altra per avere in campo i colori della squadra del cuore, la Roma), con cui giocheranno il torneo di calcio che martedì 7 giugno vedrà la sfida tra le due prime. Non mancherà, poi, alla ripresa dell’anno scolastico a settembre, la parte dedicata alla creatività, in cui gli studenti saranno impegnati nell’elaborare un logo dedicato percorso. ———————————————————————————————————————— Il PROGETTO OFFICINE DEI SOGNI che oltre all’ente capofila MOIGE e alla Cooperativa Ludus protagonista di questo laboratorio comprende anche i seguenti partner: ASSOCIAZIONE TEATRALE LUCREZIA, L’ASSOCIAZIONE ON AIR– PROGETTO GRAF, EUROPEAN DEVELOPMENT CONSULTING E DISAMIS SRL.




1 visualizzazione0 commenti